1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Doghera

Cognome: Doghera

Dossier: 822513
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili - Cavalieri
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Doghera

Acquista

Corona nobiliare DogheraAntica famiglia, di chiara ed avita virtù, detta Noghera o Noghero, originaria di Berbenno, in Valtellina, la quale ha goduto nobiltà anche in Roma e Milano. Gian Pietro Doghera, con Diploma Imperiale 1594, fu creato conte Palatino, con tutti i privilegi annessi e segnatamente quelli di leggittimare bastardi e creare notari, privilegi esercitati dai discendenti. La famiglia fu investita del giuspatronato attivo e passivo del Beneficio dei Nobili di Berbenno; fu riconosciuta quale feudataria di Como. Diede membri al Consiglio di Reggenza della Valtellina sin dal 1620, Cancellieri di Valle, assessori del Tribunale, Vicario e Consoli di Giustizia. Con D. M. 6 marzo 1897 venne riconosciuta ed iscritta nel Libro d'oro della Nobiltà Italiana col titolo di Nobile (mf.), in persona di Giuseppe, di Nicola, di Giovanni Battista e del nipote Nicola, di Giovanni, di Nicola. La famiglia levò per arme. Albero del noce al naturale su terrazzo di verde ...
Continua

Blasone Doghera

Stemma della famiglia Doghera

Stemma della famiglia

Di rosso all'albero di noce al naturale su una terrazza di verde, sostenuto da 2 lupi controrampanti al naturale, accompagnato in capo da 2 stelle d'oro di 6 raggi.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Stiamo costruendo il più grande archivio digitale di stemmi al mondo
assicura un posto alla Tua Famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook