1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Donda

Cognome: Donda

Dossier: 822689
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Donda

Acquista

Corona nobiliare DondaLa famiglia Donda è assai antica e nobile, ed i nomi dei suoi componenti si trovano soprattutto ricordati in contratti di acquisto di terre e case. Annovera, questa illustre casata, personaggi di elevate virtù, ma la penuria delle scritture in quegli antichi secoli ci priva di quelle curiosità più nobili, che si possono desiderare. Essa risulta essere originaria di Molfetta, ove si stabilì nel secolo XIII con un milite Giovanni Battista Donda che ebbe da Carlo II d'Angiò, detto lo zoppo, l'ufficio di governatore militare di quella città. La presenza del motto nella bibliografia documentata della famiglia ci conferma l'avita nobiltà raggiunta della casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli o bandiere dei cavalieri, esposti alle finestre delle locande in cui questi alloggiavano, in occasione dei tornei, e durante i tornei stessi. Il ...
Continua

Blasone Donda

Stemma della famiglia Donda

Stemma della famiglia

Troncato di oro e di azzurro alla fascia d'oro attraversante, sostenente una croce di rosso posta su di un monte di tre cime di verde ed accompagnata in punta da tre uccelli di nero posti in fascia.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Stiamo costruendo il più grande archivio digitale di stemmi al mondo
assicura un posto alla Tua Famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook