1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Dozio

Cognome: Dozio

Dossier: 822977
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Conti
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Dozio

Acquista

Corona nobiliare DozioCominciato da G.B. di Crollalanza e continuato poscia da suo figlio Goffredo, l'annuario della Nobiltà Italiana con il dizionario storico blasonico delle famiglie nobili italiane ci fà menzione di questa illustre famiglia, originaria del Piemonte. Comparisce con molto splendore frà la nobiltà piemontese questa casata, gli antenati della quale venuti già molti secoli prima in Piemonte, hanno con la loro riputatione apprestata ha discendenti loro onorata strada, trà le maggiori dignità della patria. Fregiata del titolo di Conti di Salabue. Tali sono i principii, che da sopracitati Autori si diedero a questa famiglia, ma per esser questo fatto assai remoto, e d'historia molto lontana, lasciamo perciò a più eruditi delle sacre antichità, e dell'historie l'investigarne il suo certo principio. Quel che però di certo habbiamo, è che la casata per la loro antichità, e splendore, e per virtù militare, carrichi così laicali, come Ecclesiastici, e per ogno altro preggio di ...
Continua

Blasone Dozio

Stemma della famiglia Dozio

Stemma della famiglia

D'azzurro all'albero di verde movente da un monte di 3 cime d'argento, sostenente una fenice di nero fissante un sole d'oro, uscente dal canton destro del capo.
Acquista

Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Stiamo costruendo il più grande archivio digitale di stemmi al mondo
assicura un posto alla Tua Famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook