Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Dresia, provenienza: Italia

Titolo: Conti
Araldica della famiglia: Dresia
Corona nobiliare Dresia
Originaria di Frazzo in val di Maira, consignori di Genola e feudatari di Oglianico con titolo comitale, ebbero a capostipite Maurizio tesoriere del marchesato di Saluzzo. Cesare dottor collegiato in leggi nella università di Torino e consigliere di stato. Giuseppe- Antonio vicario generale di Asti. Della famiglia non si hanno più notizie. La presenza del motto nella bibliografia documentata della famiglia ci conferma l'avita nobiltà raggiunta della casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli o bandiere dei cavalieri, esposti alle finestre delle locande... Continua

in cui questi alloggiavano, in occasione dei tornei, e durante i tornei stessi. Il motto era un pensiero espresso in poche parole facente allusione a un sentimento palese o nascosto, a una qualità, a un ricordo storico, per stimolo al coraggio o onore. Era scelta dal capo della famiglia, dal cavaliere entrante in lizza o data dal sovrano al proprio uomo ligio. Motto della famiglia: Promptae servituti. Altro ramo. Antica e nobile famiglia originaria del Piemonte. Alcuni rappresentanti furono conti di Odalengo. Motto della famiglia: Promptae servituti.


Compra un documento araldico su Dresia

Stemma della famiglia: Dresia

Blasone della famiglia

Troncato: nel primo d'argento al castello di rosso, di due torri, merlate alla guelfa, aperto e mattonato di nero; nel secondo d'azzurro, al cane levriere, slanciato in corsa, al naturale, collarinato.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook