1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Dussi

Cognome: Dussi

Dossier: 823310
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili - Patrizi
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Dussi

Acquista

Corona nobiliare DussiVuolsi che dai conti di Basco derivassero i Bussi, noti dapprima in Orvieto, poi illustri a Viterbo e ricevuti negli ordini di Malta e Santo Stefano. Un ramo si stabilì a Roma in persona di Pietro Francesco Bussi che fu Uditore della S. R. Rota e divenne Cardinale nel 1759. Prima di lui, Giovanni Battista Bussi, viterbese. Vescovo di Ancona, Nunzio a Colonai, fu creato Cardinale da Clemente XI nel 1712. Giovanbattista Bussi fu Cardinale ed Arcivescovo di Benevento creato da Leone XII nel 1824. In questa famiglia si estinse quella dei Muti, perchè Cecilia Muti, ultima di sua famiglia, sposò Giulio Bussi a' principio del secolo scorso, con l'obbligo ai figli, di fare precedere il cognome Muti a quello dei Bussi. Furono compresi fra i nobili romani nel 1746 e sono attualmente rappresentati dal marchese Achille Muti-Bussi patrizio coscritto romano. Altro ramo. Famiglia originaria di Viterbo proveniente dai Conti ...
Continua

Blasone Dussi

Stemma della famiglia Dussi

Stemma della famiglia

Troncato semipartito: al primo, d'oro a tre martelli al naturale ordinati in fascia; al secondo, d'azzurro al monte di pietre al naturale; al terzo di rosso alla testa di bove d'argento, uscente dalla sinistra dello scudo.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Non vi è futuro senza passato
Consegna alla memoria storica il nome della tua famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook