1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Ebilli

Cognome: Ebilli

Dossier: 823345
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Conti - Marchesi - Nobili
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Ebilli

Acquista

Corona nobiliare EbilliUna nobile famiglia che esistette in Toscana, e poi si diramò in parecchi luoghi. Un'altra ne esistette a Gubbio. Si crede che l'attuale famiglia Ebilli di Fano possa essere una diramazione dell'anzidetta di Toscana, ma ancora non se ne è potuto stabilire l'attacco. La famiglia di Fano, proviene da Fossombrone dove era tra le principali fin dal sec. XV, con il titolo di nobile e patrizio, e dove i suoi membri ricoprirono le prime cariche civiche. Un Bernardino Ebilli fu gentiluomo dell'ambasciatore veneto, Giustiniani. Livio Ebilli, essendosi trasferito a Fano, il 6 settembre 1783 fu ammesso di consiglio e dichiarato nobile fanese con tutta la sua discendenza. Egli nel 1819 trasportò poi definitivamente tutta la sua famiglia da Fossombrone a Fano. Nel 1814 agosto 1, per suoi meriti speciali, fu da papa Pio VII, creato conte palatino, personalmente. Di questa famiglia è da ricordarsi: Mariano (dec.1862) che fu per ben ...
Continua

Blasone Ebilli

Stemma della famiglia Ebilli

Stemma della famiglia

D'azzurro a tre monti di verde 1, 2, su cui poggia una colomba di argento tenente nel becco un ramo di olivo verde, accompagnato in capo da tre stelle d'oro di sei raggi, poste in fascia.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Stiamo costruendo il più grande archivio digitale di stemmi al mondo
assicura un posto alla Tua Famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook