1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Graffini

Cognome: Graffini

Dossier: 8714
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili
Nobili in: Italia


Anteprima araldica della famiglia :
Graffini

Acquista

Corona nobiliare GraffiniDa un'antica bibliografia stampata in Firenze dalla tipografia delle Murate nell'anno 1866, intitolato "Libro dei nobili veneti, ora per la prima volta messo in luce", come rilevasi dall'opera summenzionata la famiglia è originaria del Veneto. Trovasi aggregata al Consiglio nobile di Feltre fin dal 1744, e fu confermata nella sua nobiltà con sovrana risoluzione 8 ottobre 1824. Che i membri della famiglia siano noncuranti delle cose volgari, ripromettendosi dalle sole loro energie la dovuta ricompensa, lo provano i documenti fino ad oggi conosciuti come il Dizionario Storico-Blasonico del commendatore G.B. di Crollalanza che ne ha raccolte le tracce lasciate dalla famiglia in quelle città ove ebbe dimora ricoprendo cariche legislative, militari o altro, contribuendo non poco alla riuscita di quei documenti utili alla scoperta di questa famiglia. ...
Continua

Blasone Graffini

Stemma della famiglia Graffini

1 Stemma della famiglia Graffini

Graffini da Feltre. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Arma ignota.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Affida la storia del nome della tua famiglia ai professionisti dell'araldica

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook