1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Malavolti

Cognome: Malavolti

Dossier: 8353
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Signori
Nobili in: Italia


Anteprima araldica della famiglia :
Malavolti

Acquista

Corona nobiliare MalavoltiFurono dei grandi, di torre e di loggia, signori di Gavorrano, Prata, Montorgiali, Pari, Poggio e Castel di Ciliano, Scorgiano, Selvoli Ravi e Torniella, emuli dei Piccolomini e dei Salimbeni. Ebbero quattro vescovi di Siena, diversi ambasciatori a principi, a papi, senatori di Roma, podestà e governatori di città, generali di esercito, cavalieri gaudenti, di Malta e di S. Stefano, scrittori illustri fra cui Orlando, lo storico più accreditato della Repubblica. Numerosi autori della famiglia descrissero eventi e personaggi, attribuirono ad essa varie origini senza alcuna valida attestazione. La moderna critica storica ha, sulla scorta sicura dei documenti, fatto ragione delle artificiose ricostruzioni genealogiche di quegli scrittori che, per compiacente spirito d'adulazione, pretesero far discendere questa famiglia da nobili e antiche prosapie come quella di altre famiglie. Il commendatore G.B. di Crollalanza, nella sua opera " il Dizionario Storico-Blasonico, opera che in vari decenni e con l'aiuto di altri storici ...
Continua

Blasone Malavolti

Stemma della famiglia Malavolti

1 Stemma della famiglia Malavolti

D'oro, alla saracinesca composta d'argento e di rosso; col capo d'Angiò.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Non vi è futuro senza passato
Consegna alla memoria storica il nome della tua famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook