1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Marinis Stendardo

Cognome: Marinis Stendardo

Dossier: 2336
Nobiltà: Nobili
Nobili in: Italia
Anteprima araldica della famiglia: in: Italiano

Anteprima araldica della famiglia: Marinis Stendardo

Corona nobiliare Marinis StendardoOriginaria di Cava e che si ritiene derivare dall'omonima famiglia genovese. I fratelli Sergio, Roberto, Pertello e Carlo, imprenditori di grandiose opere fra cui parte di Castelnuovo e dell'arsenale di Napoli, furono dagli Aragonesi rimunerati di ricchezze e favori. Pertello e Carlo vennero con privilegio 9 settembre 1444 creati familiari e commensali perpetui. Al primo furono assegnati, in data 15 gennaio 1445, oncie 24 annue sui proventi fiscali ed altre 24 oncie con provvedimento 14 settembre 1446. Fu nominato inoltre regio capitano in Selvalonga. Re Ferdinando con privilegio 23 ottobre 1468 confermava ai medesimi fratelli Pertello e Carlo, il privilegio d'essere liberi da qualunque colletta. Sergio, fratello dei predetti fu nominato anche egli regio familiare. Centolanza, figlio di Pertello pervenne al grado di presidente della R.Camera. Dal detto Pertello discese Salvatore che nel 1700 comprò il feudo di Ricigliano, e dal detto Salvatore gli attuali rappresentanti della famiglia. La famiglia ...

Continua

Stemma della famiglia: Marinis Stendardo

Stemma  della famiglia Marinis Stendardo

1 Blasone della famiglia Marinis Stendardo

Di argento alla fascia di rosso accompagnata in capo da un leone nascente del medesimo rivoltato armato di azzurro e fissante tre stelle di rosso 1, 2, poste nel lato sinistro del capo, ed in punta da una sirena uscente dal mare al naturale.

Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Vai al Catalogo

Ogni cognome ha una storia che merita di esser raccontata
Rendi immortale quella della tua famiglia
Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:
Email:

Ricerca Cognome


Heraldrys Institute of Rome on Facebook