Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Missé, provenienza: Italia

Titolo: Cavalieri S.R.I.
Traccia araldica della famiglia: Missé
Corona nobiliare Missé
Antica famiglia tergestina, di chiara ed avita virtù, la quale, al dir di alcuni autori, discenderebbe dal nobile casato normanno dei Missy, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. Altre teorie vogliono, invece, che l'origine della cognominizzazione Missé vada ricercata in una alterazione del termine "Mi Sior" (= Mio Signore), con il quale, anticamente, ci si rivolgeva ai notabili come notai o amministratori della comunità, indicando così che probabilmente i capostipiti fossero comunque stati personaggi di rilievo nell'ambito della loro comunità. Secondo tale ricostruzione, la famiglia Missé venne fregiata del titolo di cavaliere del S.R.I., in virtù dei preziosi servigi resi a Massimiliano I d'Asburgo, da un Niccolò, durante l'assedio di Padova. In ogni modo, tal famiglia, nel dispiegarsi dei lustri, sempre è riuscita a produrre una serie di uomini che resero illustre il suo nome, nei pubblici impieghi, nelle professioni liberali ed ecclesiastiche e nel servizio militare. Fra... Continua

questi, senza nulla levar al valore degli omessi, contasi: Tommaso, milite delle truppe tirolesi del Principe vescovo, agli albori del secolo decimo sesto; Benedetto, dottore in ambo le leggi, vivente in Trieste, nel 1613; Otto, dottore in "utroque jure", vivente in Trieste, nel 1632; Filippo Maria, consigliere in Trieste, vivente nel 1648; Adalberto, ambasciatore presso varie corti italiane ed europee, vivente nel 1701; Norberto, chiaro giureconsulto, fiorente in Trieste nel 1721; Federico, dottore in Sacra Teologia, residente in Gorizia, nel 1732; P. Alessandro, della Congregazione dei Chierici Regolari di San Paolo, vivente nel 1758; Niccolò, chiaro giureconsulto, vivente in Trieste, nel 1779; Benedetto, notaio e consigliere in Trieste, vivente nel 1792; Antonio, membro del battaglione "Italia libera", durante l'assedio di Venezia, negli anni 1848-49. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Compra un documento araldico su Missé

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Missé

Stemma  della famiglia Missy

1 Blasone della famiglia Missy

D'azzurro all'aquila spiegata d'oro coronata del medesimo.

Blasone della famiglia Missy, in Italia Missé. Fonti bibliografiche: "Armorial Général par J.B.Rietstap - Deuxième èdition refondue et augmentée - Tome II L-Z" p. 232; "Archivio Storico" di Heraldrys Institute of Rome.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook