1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Ricerca Cognome

Risultato della Ricerca:
Muzi - Muzj - (Italia - Marche - Lazio - Abruzzo - Campania - Puglia) Nobili - Patrizi - DuchiMuzia (Italia) Nobili Muziani (Italia) Baroni - Nobili - PatriziMuzilac (France - Guascogne) Famille Noble - Chevaliers - SeigneursMuzio (Italia) BaroniMuzj (Italia) Nobili Muzol (España - Guipúzcoa) Señores - Caballeros - Familia NobleMuzquiz (España - Vizcaya) Señores - Caballeros - Familia NobleMuzua (España - Guipúzcoa) Señores - Caballeros - Familia NobleMuzza (Italia) Nobili

Origine del cognome Muzi, provenienza: Italia

Nobiltà: Nobili - Patrizi - Duchi
Variazioni: Muzj
Traccia araldica della famiglia: Muzi
Variazioni: Muzj
Ordina adesso il Tuo Documento Araldico
Corona nobiliare Muzi
Antichissima ed illustre famiglia, le cui prime notizie certe rimontano al XIII secolo. Nel 1250, infatti, sono ricordati dalle antiche memorie dell'Archivio di Camerino, i tre fratelli Giovanni, Broccardo e Gentile de' Muzi che, guelfi, osteggiavano Percivalle Doria, Luogotenente del ghibellino Re Manfredi che assediava Camerino. Un ramo di questa famiglia ebbe la Signoria di Prefoglio, Massa e Capriglia, con titolo comitale ma, tale ramo, si estinse col conte Gianfrancesco, nato il 24 marzo 1663. Il Lilii, nella sua "Storia di Camerino", libro V, dopo aver ricordato che, nell'ottobre del 1414, Sigismondo Imperatore creò conti Palatini i signori Paolucci di Camerino ,con la facoltà di crear Notari, legittimar bastardi, aggiunge che tale onore toccò anche ai Conti di Prefoglio. Il ramo, che tutt'oggi sussiste, discende da: Giovanni Battista, di Cesare, nato il 23 ottobre 1580, zio di Gianfrancesco. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano col titolo di Patrizio ...
... Continua

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Muzi
Variazioni: Muzj

Ordina adesso il Tuo Stemma Nobiliare
Stemma  della famiglia Muzi

1 Blasone della famiglia Muzi

Blasone della famiglia Muzi da Camerino. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI" vol. IV p.756.

D'azzurro alla fascia di rosso accompagnata in capo da due gigli, e in punta da un compasso con le punte verso il basso, il tutto d'oro.

Stemma  della famiglia Muzi

2 Blasone della famiglia Muzi

Blasone della famiglia Muzi da Camerino. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI" vol. IV.

D'azzurro alla fontana con la conca da due getti, affiancata da due leoni affrontati, accompagnati in capo da tre stelle di 8 punte, ordinate in fascia, il tutto di argento.

Stemma  della famiglia Muzi

3 Blasone della famiglia Muzi

Blasone della famiglia Muzi di origine romana. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI" vol. IV p.757.

D'azzurro al destrocherio vestito d'argento con la mano di carnagione impugnante una spada d'argento posta in palo, al rogo ardente al naturale posto in punta, alla fenice al naturale sulla sua immortalità posta sopra il braccio, al sole raggiante d'oro posto nel canton destro.

Stemma  della famiglia Muzi

4 Blasone della famiglia Muzi

Blasone della famiglia Muzi dalla Campania. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI" vol. IV p.757.

D'azzurro al destrocherio vestito d'argento con la mano di carnagione, impugnante una mazza d'arme d'argento, al fuoco di rosso movente dalla punta.

Stemma  della famiglia Muzj

5 Blasone della famiglia Muzj

Blasone della famiglia Muzj dalle Marche. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

D azzurro, all'albero di verde, terrazzato dello stesso, con un nastro d'argento attraversante sul tutto e caricato del Motto : DICO DURA DATI.

Ordina la ricerca professionale araldica storica dell'origine del Tuo Cognome con il Titolo Nobiliare e lo stemma.

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2017 - 2018 Heraldrys Institute of Rome