EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Poccia, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Traccia araldica della famiglia: Poccia
Corona nobiliare Poccia Familgia originaria di Palermo, venne in Calabria pel Segretariato di queste regioni concesso da Carlo V ad Annibale Poccia. Stabilitasi in Tropea nel secolo XVIII per molti acquisti fatti di beni stabili in queste contrade. Vi è chi la crede una diramazione quella di Aquila. Altro ramo. Originaria di Calabria, poi nobile Messinese nei secoli XVI e XVII. Un Giacomo Poccia Abate prelato della diocesi di Santa Lucia del Mela, Vescovo titolare, e real Consigliere nel 1819. Altra famiglia alzò per arma. Di giallo, una rosa posta in fascia argentata, una mezzaluna in lo basso. La presenza dell'arma e del motto nella bibliografia documentata della famiglia Poccia ci conferma l'avita nobiltà raggiunta dalla casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli o bandiere dei cavalieri, esposti alle finestre delle locande in cui questi alloggiavano,... Continuain occasione dei tornei, e durante i tornei stessi. Il motto era un pensiero espresso in poche parole facente allusione a un sentimento palese o nascosto, a una qualità, a un ricordo storico, per stimolo al coraggio o onore. Era scelta dal capo della famiglia, dal cavaliere entrante in lizza o data dal sovrano al proprio uomo ligio. Motto della famiglia. Fortuna non mutat genus.
Compra un documento araldico su Poccia

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico: tel. +39 393 2258835 (orario 10-18) , Sms 24h/24

Stemma della famiglia: Poccia

Blasone della famiglia

D'oro alla banda cucita d'argento, caricato di una rosa bianca al naturale e accompagnata nella punta da una crescente montante del secondo.
Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. primo, pag. 304, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook