1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Sertoli Salis

Cognome: Sertoli Salis

Dossier: 3565
Nobiltà: Nobili - Conti
Nobili in: Italia (Lombardia)
Variazioni: Sertoli Sais
Anteprima araldica della famiglia: in: Italiano

Anteprima araldica della famiglia: Sertoli Salis

Variazioni: Sertoli Sais
Corona nobiliare Sertoli SalisUn altro ramo della famiglia discende da Gio. Giorgio, già defunto nel 1659 e distaccatesi con Francesco, nato a Sondrio il 30 agosto 1842, figlio primogenito di Pietro ed Elisabetta Guicciardi, spos. a Milano, S. Babila, il I° settembre 1872 colla contessa Maria Felicita Salis (detta Rita), figlia del conte Ulisse, ultima di sua famiglia. Con R.D. 11 maggio 1922 fu autorizzato ad aggiungere al proprio il cognome Salis. Con R.D. 25 sett. 1910 e RR.LL.PP. venne concesso a Maria Felicita, detta Rita, Salis, di usare il titolo di conte trasmissibile ai suoi discendenti legittimi per ordine di primogenitura. Conseguentemente oggi il titolo comitale è portato da Cesare, figlio suo primogenito. La presenza del motto nella bibliografia documentata della famiglia ci conferma l'avita nobiltà raggiunta della casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli ...

Continua

Stemma della famiglia: Sertoli Salis

Stemma  della famiglia Sertoli Salis

1 Blasone della famiglia Sertoli Salis

Fonte bibliografica: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI" vol. VI p.291.

Partito: nel primo d'oro, al grifo rampante di nero (Sertoli); nel secondo inquartato: a) e d) d'oro al salice di verde sradicato; b) e c) palato di rosso e d'argento (Salis).

Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Vai al Catalogo

Non vi è futuro senza passato
Consegna alla memoria storica il nome della tua famiglia
Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:
Email:

Ricerca Cognome


Heraldrys Institute of Rome on Facebook