1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Siotto

Cognome: Siotto

Dossier: 3597
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili
Nobili in: Italia (Sardegna)
Variazioni Cognome: Siotto Pintor,Siotti

Anteprima araldica della famiglia :
Siotto
(Siotto Pintor,Siotti)

Acquista

Corona nobiliare SiottoIl 26 settembre 1826 il re Carlo Felice concedeva due diplomi di cavalierato e di nobiltà ai fratelli Efisio Luigi, Antonio, Giovanni e Giuseppe Siotto Pintor, in vista e ricompensa dei meriti del padre loro, già trapassato, Giovanni Maria Siotto Pintor. Il ramo discendente dal senatore Giovanni, come si è detto nella precedente nota biografica, fu iscritto in qualità di nobile nei registri della Consulta Araldica per Decreto Ministeriale il 22 novembre 1877. Al ramo discendente dal predetto don Giuseppe, di Giovanni Maria, furono riconosciuti i titoli di cavaliere (m.), nobile (mf.), e don (mf.) con Decreto Ministeriale 20 luglio 1901 e Regie Lettere Patenti del 24 novembre 1901. Capostipite di questo ramo fu lo stesso don Giuseppe, illustre professore di pandette e di eloquenza latina nella R.Università di Cagliari, dotto giureconsulto e deputato al Parlamento durante la I, II, II e IV legislatura. Quando nella seduta della Camera dei deputati del 22 febbraio 1849, Gioberti, che nel giorno precedente aveva dato le dimissioni da presidente del Consiglio dei ministri, fu violentemente attaccato dai suoi avversari e si tentò di metterlo in stato di accusa, egli solo sorse a difenderlo apertamente ed evitò che avesse luogo un ordine del giorno vituperoso. Lo stesso Gioberti ricorda l'episodio nel Rinnovamento, parlando dell'animo generoso di Giuseppe Siotto Pintor, morto in Cagliari nel 1855. Dal suo matrimonio con Margherita Melis era nato a Cagliari il marzo 1835 il figlio don Luigi, che, entrato in giovane età nella magistratura, assurse, per le sue speciali doti di erudizione, di integrità e di sapienza giuridica, al grado di primo presidente di Corte d'Appello; fu eletto deputato al Parlamento nella XXI legislatura. Fece inoltre parte del Consiglio Superiore delle miniere e della Commissione Araldica Sarda; fu consigliere provinciale e comunale; morì il 13 dicembre 1915. Dal suo matrimonio con la nobile donna Giovanna Siotto, nacque in Sarroch il 3 aprile 1861 il figlio don Giuseppe, laureatosi in giurisprudenza, uomo di adamantina rettitudine e di vasta cultura, chiamato più volte ad esercitare cariche pubbliche, quali quella di presidente del Consiglio provinciale di Cagliari dal 1914 al 1920 e di ...
Continua

Blasone Siotto
(Siotto Pintor,Siotti)

Stemma della famiglia Siotto

1 Stemma della famiglia Siotto

Blasone della famiglia Siotto dalla Sardegna. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", vol. VI p.336.

Inquartato; nel 1° e 4° d'argento, alla torre al naturale cimata di un ramoscello di olivo dello stesso colla bordura inchiavata d'azzurro; nel 2° e 3° d'azzurro, alla torre al naturale cimata da un ramoscello di olivo dello stesso colla bordura inchiavata d'argento.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Stiamo costruendo il più grande archivio digitale di stemmi al mondo
assicura un posto alla Tua Famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook