1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Tarchini

Cognome: Tarchini

Dossier: 870022
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Nobili
Nobili in: Italia (Lombardia)


Anteprima araldica della famiglia :
Tarchini

Acquista

Corona nobiliare TarchiniAntica e nobile famiglia lombarda, di chiara ed avita virtù, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. L'origine di tal cognominizzazione, al dir di autorevoli genealogisti, andrebbe ricercata in un soprannome basato sul vocabolo germanico "stark" (= forte). Secondo quanto ci viene tramandato, la famiglia, a partire dal secolo decimo sesto, si divise in due rami: l'uno ebbe residenza in Brescia ed in Bergamo, l'altro invece si stabilì in Venezia. D’altronde, tal famiglia, nel dispiegarsi dei lustri, sempre è riuscita a produrre una serie di uomini che hanno reso illustre il suo nome, nei pubblici impieghi, nelle professioni liberali ed ecclesiastiche e nel servizio militare. Fra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, contasi: Marchino, proprietario terriero nel bresciano, fiorente nel 1502; Alessandro, dottore in l'una e l'altra legge, fiorente in Bergamo, nel 1521; P. Niccolò, dell'Ordine dei Minori Riformati, fiorente in Bergamo, nel 1537; Benedetto, giurista bresciano, ...
Continua

Blasone Tarchini

Stemma della famiglia Tarchini

1 Stemma della famiglia Tarchini

Di rosso al leone al naturale accompagnato in capo da una cometa d'oro posta in banda.

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Affida la storia del nome della tua famiglia ai professionisti dell'araldica

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook